Nuovi articoli: Blog - Cosa mi ha spinto a scrivere

Nuovi articoli: Cosa fare da disoccupato: Che fare se il datore di lavoro non paga

Nuovi articoli: Joomla 4 - Passaggio a PHP 8

Nuovi articoli: Cosa fare da disoccupato: il patto di servizio personalizzato

Nuovi articoli: Silicon Power SSD A55 512GB vs Kingston A400 480GB

avatar hdd to ssd

Questo articolo è stato messo nella categoria Windows, tuttavia si può effettuare la stessa operazione anche con altri sistemi operativi come Linux a patto che si utilizzino programmi compatibili con il sistema in uso.

Con l'avanzare della tecnologia e l'usura dei componenti, il nostro PC sicuramente accusa gli effetti del tempo. Tuttavia, vi è il modo di dare nuova vita ad un PC oramai non più nuovissimo e che è svantaggiato dall'uso di un vecchio HDD meccanico. 

Oramai anche senza nessuna esperienza tutti sanno o hanno sentito parlare degli SSD o Solid State Disk, fantomatici dispositivi che se sostituiti al disco originale di un vecchio PC lo fanno rinascere.

Vediamo se si può affermare che ciò è vero partendo dalla definizione stessa di SSD o disco allo stato solido se vogliamo tradurlo in italiano: 

Secondo Wikipedia: un SSD è "un dispositivo di memoria di massa basato su semiconduttore, che utilizza memoria allo stato solido (solid-state storage), in particolare memoria flash, per l'archiviazione dei dati."

In soldoni, è un disco che è realizzato con la tecnologia con la quale vengono realizzate le memorie USB, ovvero i classici USB stick che oramai siamo stati abituati ad utilizzare da circa 20 anni a questa parte. Questi dischi non sono realizzati con supporti meccanici e dunque non hanno il limite di velocità imposto da testine e altri componenti meccanici durante le fasi di scrittura e lettura del disco. Ne consegue che sono molto più veloci dei più datati HDD.
Un altro indubbio vantaggio è il risparmio di energia, in quanto sempre per la mancanza di componenti meccanici, un SSD ha bisogno di un consumo minore di energia per il suo corretto funzionamento rispetto ad un tradizionale disco fisso. Inoltre, è nettamente più leggero e sottile nonché meno soggetto ad usura e certamente più resistente agli urti.

All'inizio, queste unità erano molto meno capienti ed estremamente più costose rispetto ad un HDD. Oggi, con il calo dei prezzi, queste unità sono estremamente vantaggiose tanto che posso dire che è quasi un dovere non rinunciare ad un comfort di uso del proprio PC.

Per i due PC che ho manutenuto sostituendovi il disco con un nuovo SSD, ho acquistato da Amazon i due prodotti di cui trovate il link qui sotto.

Se vuoi saperne di più e farti un'idea di quale dei due SSD acquistare, leggi l'articolo che ho dedicato alla recensione e confronto di entrambi:

Silicon Power SSD A55 512GB vs Kingston A400 480GB

Per quanto riguarda la procedura con Clonezilla che spiegherò di seguito, se possibile acquistate sempre un disco con capacità superiore o uguale al disco che sostituirete in quanto Clonezilla ha il limite di non consentire la copia su un dispositivo con capacità inferiore alla sorgente dei dati.

Di cosa abbiamo bisogno per clonare l'HDD

Di cosa si ha bisogno per clonare un disco fisso su un SSD? Di un SSD e quantomeno un sistema per poter connettere il vostro nuovo disco al PC per la fase di copia.

Ora dipende da voi e cosa volete farne del dispositivo che acquisterete per connettere l'SSD durante la clonazione dopo la procedura che rinnoverà il vostro PC. Se la vostra intenzione è quella di avere qualcosa che vi consenta di connettere vari dischi che avete al vostro PC, vi consiglio di acquistare un adattatore USB a SATA o una docking station per HDD come quelle che vi suggerisco qui sotto.

Se invece non ve ne importa e magari desiderate trasformare il vostro vecchio disco in una memoria esterna, consiglio vivamente di acquistarvi un case per HDD SATA - USB come quello che vi riporto qui sotto che su Amazon ha un costo contenuto ed è di buona qualità, di facile installazione, visto che non necessità di cacciaviti ed è adatto anche ai più inesperti. 
A volte è pure scontato e lo si acquista anche a meno di € 8,00.

Entrambe le soluzioni sono valide e funzionano alla grande!

Qui puoi leggere la recensione che ho scritto per il case della Orico che ho acquistato su Amazon:

Orico case per dischi SATA da 2.5"

Un'altra cosa che vi servirà è una chiavetta USB sulla quale verrà installato il software Clonezilla che ci servirà per clonare il disco fisso sul nuovo SSD.

Clonezilla

Siccome non è fattibile un semplice copia-incolla per copiare le partizioni di un disco e le relative partizioni abbiamo bisogno di qualcosa, un programma che lo faccia per noi nella maniera corretta. Ed ecco che Clonezilla viene in nostro aiuto.

Ma perché Clonezilla e non un altro software? La prima risposta che mi viene in mente è perché è gratuito, open source e non vi è bisogno di una licenza proprietaria per poterlo utilizzare togliendo di fatto il problema di molti tutorial simili a questo che utilizzando software freeware dopo un po' non sono più attuabili perché il programma da free è passato a trial o magari ha imposto nuove limitazioni per invogliare l'incauto utente ad acquistare a piccoli prezzi ciò che forse utilizzerà una sola volta.

Ma non è solo una questione economica. Anche se ovviamente non è l’unico software per clonare dischi, Clonezilla è ritenuto uno dei migliori programmi open source per creare copie di backup dell’intero disco.

Clonezilla ha poi il vantaggio di supportare praticamente tutti i tipi di file system più comuni (NTFS, FAT, FAT32, hfs+, ext2, ext3, ext4, etc.) e per tale motivo è la soluzione ideale non solo per clonare dischi ma anche per creare una immagine di sicurezza del disco dove è installato il sistema operativo (Windows, Linux, Mac OS etc.) per scongiurare infezioni da virus, ransomware o corruzzioni del sistema.

Clonezilla permette di fare copie identiche del disco, del sistema operativo, della MBR (Mast Boot Record) e non solo, ma anche di tutti i programmi installati  fino a quel momento comprese tutte le impostazioni impartite fino a quel momento come credenziali e configurazioni, evitando di dover rifare tutto da zero come nella reinstallazione di un sistema operativo.

Scaricare e preparare Clonezilla

Per prima cosa, clicca sul link e scaricate Clonezilla. Una volta nella pagina selezionate file type "iso" e in seguito clicca su "Download" aspettando che il file venga scaricato sul vostro PC. Le opzioni per il download le riporto comunque per esteso a scanso di equivoci:

  • cpuarchitecture: amd64
  • file type: iso
  • repository: auto

clonezilla download

Rufus

Per 'metterlo' su una chiavetta, utilizzeremo il software gratuito "Rufus" che puoi trovare e scaricare dal link: Rufus. Nella pagina, troverai la sezione "Download" dalla quale sceglierai la versione "Portatile" che non necessita di essere installata sul PC per essere utilizzata.

rufus download

Una volta scaricato Rufus, eseguilo (Lo troverai con ogni probabilità nella cartella Download. Seleziona il file e premi Invio). Nella parte alta della finestra, come dispositivo seleziona la chiavetta sulla quale vuoi installare Clonezilla. Successivamente, premi il pulsante "SELEZIONA" e nella finestra di dialogo che vi si aprirà, seleziona l'immagine iso di Clonezilla (è il file che hai scaricato dal sito di clonezilla) che hai appena scaricato e che con ogni probabilità troverai nella cartella Download del tuo computer. Il resto delle opzioni, viene compilata in automatico dal programma e non servirà nessun intervento da parte tua, solo il click sul pulsante "AVVIA" che inizierà a tutti gli effetti la scrittura di Clonezilla sulla vostra chiavetta. Una volta che il programma ti avviserà di aver terminato la tua chiavetta sarà pronta ad essere utlizzata nello step successivo!

rufus clonezilla

Clonare l'HDD su un SSD con Clonezilla

A questo punto abbiamo creato la chiavetta USB dalla quale il nostro Clonezilla sarà avviato. Questo dovrà accadere all’avvio del computer, prima che il sistema operativo installato nel tuo PC (ad esempio Windows) venga caricato.

Apri ora la confezione del tuo SSD e inseriscilo nella docking station o il case che hai acquistato.

  1. A computer spento inserisci la pendrive con Clonezilla nel PC così come il disco SSD che avrai già inserito nella docking station/case. Per ultimo accendi il computer.
    Dopo pochi istanti dovrebbe avviarsi automaticamente Clonezilla e ne vedrai la schermata principale. Se ciò non accade e si avvia Windows, dovrai andare nel Bios per istruire il tuo PC che deve fare avviare il sistema (Boot) dando priorità alla chiavetta USB.
  2. Nella schermarta principale di Clonezilla, seleziona “Clonezilla Live (Default settings)” e premi il tasto Invio da tastiera.
  3. Seleziona quando richiesto la lingua italiana.
  4. Quando ti chiede di selezionare la tastiera, seleziona/lascia selezionato “Keep   Mantiene la disposizione della tastiera di default – tastiera US”.
  5. Avvia la procedura selezionando “Start_Clonezilla Avvio di Clonezilla”.
  6. Nel nostro caso, dobbiamo fare una clonazione da disco a disco per questo seleziona “device-device”.

clonezilla device to device

  1. Lascia selezionato “Beginner Modalità Principiante: Accettate le opzioni di default” e premi Invio. 
  2. Nella schermata successiva, seleziona “disk_to_local_disk clonazione_del_disco_locale_su_un_disco_locale” e poi premi Invio.

clonezilla disk to local disk

  1. Selezionare il disco da copiare (local disk as source) che ovviamente corrisponderà a quello da sostituire. 
  2. Selezionare il disco SSD (local disk as target) sul quale copiare il contenuto del precedente. 
  3. Nella schermata che viene subito dopo lascia le opzioni di default premendo Invio
  4. Alle successive opzioni, se ve ne sono, lascia tutto com'è e non toccare nulla. Conferma solo le impostazioni già preimpostate dal programma con Invio.
  5. A questo punto tutti i dati necessari sono stati inseriti e Clonezilla è pronto per clonare! Questo comporta ovviamente la cancellazione di tutti i dati del disco di destinazione (l'SSD), e Clonezilla ci chiede per questo conferma. Quando richiesto, premi “Y” e poi Invio da tastiera per proseguire.
  6. Ultima richiesta di Clonezilla è se vuoi clonare anche il boot loader. Senza spiegarne le ragioni, basta sapere che senza il boot loader il computer non potrebbe avviare il sistema operativo per cui si! premi “Y” e poi Invio. Ora, finalmente la clonazione ha davvero inizio.

clonezilla clonazione avviata

  1. Ora vedrai gli indicatori di avanzamento della copia del disco sull'SSD avanzare. A seconda di quanto sia la dimensione del disco e della velocità del PC, questo passaggio richiederà qualche decina di minuti se non ore per essere finalizzata. 
  2. Una volta terminata la procedura il programma ti avviserà di aver terminato la clonazione. Spegni il PC e stacca sia la chiavetta USB di Clonezilla che l'SSD.

Montaggio dell'SSD sul Notebook

Ora è arrivato il momento del montaggio del nuovo disco SSD sul PC e vedere se ciò che abbiamo fatto ha funzionato a dovere.

Nella maggior parte dei casi i portatili sulla parte bassa hanno uno o più sportellini fissati da piccole viti dietro al quale c'é l'HDD e la RAM.

sportellino notebook hdd

Individuiamo quello dietro il quale si cela il vecchio disco da sostituire (a volte vi è riportato sopra un piccolo disegno simile ad un disco o una scritta. Nel mio caso "HDD"). Rimuovi le viti avendo cura di conservarle e non perderle. Svolgi questo compito con delicatezza senza strattonare, o forzare nulla.

Una volta che hai aperto il coperchio, sotto di esso vi è l'HDD. Rimuovilo con delicatezza rimuovendo eventuali viti e facendolo poi scorrere nella direzione opposta ai connettori che lo tengono ben collegato alla scheda madre del tuo PC. 

Il disco una volta rimosso avrai modo di vedere che è ancorato ad un piccolo chassis in metallo che consente di fissarlo solidamente alla struttura plastica del PC: dovrai rimuoverla e montarla sull'SSD che hai acquistato. Come hai modo di vedere, alloggiamenti delle viti e connettori sono praticamente identici a quelli del tuo vecchio disco. Devi solo montare il nuovo disco e riporre il tutto esattamente come lo hai trovato.

ssd installato

Una volta montato il disco, avvia il PC e verificane il funzionamento. Se il sistema operativo si avvia e il PC non presenta anomalie di funzionamento sei riuscito nell'operazione. 

Ora potrai godere del tuo "nuovo" PC che sarà notevolmente più veloce e performante di quanto ti saresti mai aspettato!


Se hai gradito l'articolo, condividilo, basta un click:
Aggiungi commento
I commenti lasciati dagli utenti del blog sono sempre soggetti a controllo prima di eventuale pubblicazione. I commenti non considerati adatti per contenuti, spam o forma saranno eliminati e non pubblicati. Leggi i Termini e Condizioni di utilizzo per maggiori informazioni.


Iscriviti alla Newsletter!

Abilita JavaScript per inviare questo modulo